1.17.2017

A WINTER LOVE STORY GIVEAWAY: in regalo una copia de Il cavaliere d'inverno di Paullina Simons (CHIUSO)

Voi preparate un plaid e una bella tazza di tè...
... e io vi regalo una delle più straordinarie storie d' amore che abbia mai letto.


Sono una lettrice che si appassiona con estrema facilità ad una storia, ma difficilmente mi innamoro alla follia di un libro al punto tale da non riuscire più a togliermelo dalla testa. Uno di questi pochi è Il cavaliere d' inverno di Paullina Simons, che ho letto all'incirca otto anni fa e che da allora continua a farmi andare in tachicardia non appena ho voglia di rileggerlo o qualcuno ne parla anche solo di sfuggita. Tuttavia, ho un piccolo problema di cui, almeno, sono consapevole: quando amo un libro così visceralmente tendo a comprare tutte le sue edizioni pubblicate! Ad esempio de Il cavaliere d' inverno possiedo un'edizione rilegata, una in brossura, un'economica e una rilegata in inglese. Piuttosto preoccupante, lo so? E allora mi sono detta, perché non regalare ad uno dei miei lettori questa straordinaria storia visto che io la amo così follemente?


E allora eccomi qui con A winter love story giveaway, un giveaway a cui tengo davvero tantissimo  principalmente per due semplici ragioni:
-  Grazie a questo libro ho capito che non avrei mai più potuto smettere di leggere ;
- Il cavaliere d' inverno è, e sarà per sempre, una delle storie d' amore più belle, strazianti, appassionati e stravolgenti che io abbia mai letto.

In caso non conosciate la trama, o volete sapere cosa ne penso nel dettaglio, vi lascio qui la mia logorroica recensione.

COME FARE PER PARTECIPARE
  • Essere un lettore fisso del blog ( vedi a lato lettori fissi);
  • Condividere questo giveaway su un vostro social a scelta; (chi di voi ha un blog può anche condividere il giveaway usando il seguente banner  <a href="http://inbookerland.blogspot.it/2017/01/a-winter-love-story-giveaway-in-regalo.html "><img src=" http://i64.tinypic.com/2zg6z28.jpg"/></a> )
  • Commentare sotto questo post con la vostra email, il link della condivisione e dicendomi qual è stata  per voi la storia d' amore più bella che abbiate mai letto. 
NB: accetterò solo i commenti lasciati sotto a questo post e non sotto i vari social!

FINO A QUANTO DURA

Il giveaway terminerà domenica 5 febbraio alle ore 23:00. Il giorno dopo pubblicherò un post con il nome della persona a cui regalerò il libro, che sceglierò a random grazie al sito Random.org. In caso la suddetta persona non rispondesse alla mia email entro tre giorni provvederò a scegliere un'altra persona.


************ 

Spero con tutto il cuore che questo giveaway vi piaccia perchè, come avrete ormai capito, tengo tantissimo a questa storia e chi di voi ha già letto questa trilogia penso potrà capirmi benissimo.

 Vi auguro una bellissima giornataRestate collegati.

Vostra, 
Marty


1.12.2017

I SEGRETI DELLA CASA SUL LAGO - Kate Morton

Me finito libro. Me tanto triste. Me non sapere più che fare T.T


Se conoscete Kate Morton saprete che i suoi libri sono un miscuglio di tanti generi, ma essenzialmente, e prima di tutto, delle straordinarie storie dove il mistero fa da protagonista. Quindi, sì, questa recensione sarà scritta molto "a grandi linee" e cercherò di dire solo l' essenziale per evitare di spoilerare troppo.
I segreti della casa sul lago è un romanzo ambientato nella stupenda e affascinante Cornovaglia. Eleanor e suo marito Anthony vivono una vita serena a Loeanneth, la loro bellissima abitazione sul lago, assieme alle figlie Deborah, Alice, Clemmie e al piccolo di casa, Theo. Tutto sembra idilliaco e perfetto, finché durante un party da loro tenuto per la notte di mezza estate, Theo, di appena un anno, scompare nel nulla. La polizia si metterà subito in moto per rintracciarlo ma il caso si chiuderà poco dopo senza che il bambino venga mai ritrovato. 70 anni dopo, la giovane derective Sadie Sparrow, reduce da uno scandalo che la vede responsabile, decide di ritirarsi a casa del nonno in Cornovaglia per calmare le acque. Durante una passeggiata con i suoi cani, scoprirà dell' esistenza della abitazione, ora vuota e diroccata, e della triste storia legata alle sue mura... e, ovviamente, inizierà anche ad indagare a fondo.


Cosa mi è piaciuto:
  • Sadie Sparrow. Con un cognome così partiamo già bene! :)
  • Il libro inizia con un prologo sconvolgente. Non potevo fare a meno di pensare "Ommiodio, ommiodio, ommiodio, sta seppellendo un bambino? Così? Alla prima pagina!?! Non sono prontaaaaaaa!!!!" O.o
  • Conosco la scrittura della Morton alla perfezione e la amo così tanto che mi sono ripromessa di leggere tutto ciò fosse uscito dalla sua penna (poco conta se i suoi libri parleranno di misteri, di segreti o di coltivazioni di cactus), ma nonostante questa mia consapevolezza, rimango sempre meravigliata ogni qualvolta apro un suo romanzo. In questo libro in particolare, la cui storia è legata ad una dimora persa nella vegetazione e dimenticata negli anni, la sua scrittura è tremendamente evocativa, infestata e nostalgica.
  • Come OGNI suo libro la storia è narrata su due piani temporali, con ulteriori flashback per ogni tempo narrativo, di conseguenza siate consapevoli di questo suo aspetto stilistico quando sceglierete un suo libro (io personalmente impazzisco per questo genere di storie dove abbiamo già il fatto accaduto, ma non sappiamo da cosa sia partito). In ogni caso, qui abbiamo un alternanza di capitoli ambientati, da un lato nei primi anni del 1900 in Cornovaglia, e dall'altro sempre in Cornovaglia ma nel 2003.
  • Ne I segreti della casa sul lago ci viene data l' illusione di avere solo due protagoniste principali: Sadie Sparrow, la giovane Detective dal passato difficile, e Alice, la seconda figlia di Eleanor, che nel 2003 è ormai una celebre scrittrice di gialli. Tuttavia, ci accorgeremo ben presto che la vera protagonista è in realtà anche un'altra persona, e siccome amo terribilmente i libri che mi fanno perdere il controllo delle mie certezze, dovevo a tutti costi sottolinearlo.
  • Tutti i libri della Morton girano attorno ad un mistero, e devo ammettere che con le vicende di questo giovanissimo bambino scomparso si è davvero superata. Un mistero davvero molto intrigante, ma decisamente  troppo triste.
  • L' aspetto che ho avuto modo di apprezzare in ogni suo libro è correlato a ciò che questi misteri lasciano ai protagonisti. È un po' come se all'inizio tutti i suoi personaggi vivessero in un mondo perfetto e poi tac, qualcosa di terribile (o meno terribile) accade, e l'innocenza viene completamente spazzata via dalle loro vite. Potranno andare avanti, potranno redimersi, perdonarsi e dare una soluzione al mistero che li assillava, ma la loro vita è stata ormai contaminata e non ci sarà più nulla da fare. È proprio per questo motivo che affermo sempre che i suoi libri hanno un sapore dolce/amaro, proprio perché non saremo mai totalmente felici. Ma nemmeno totalmente tristi. Quindi state sereni.
  • Amo lo stato di confusione mentale che mi accompagna durate la lettura dei suoi libri. Giusto per fare un esempio, giuro di aver colpevolizzato tutti i personaggi presenti in questo libro per la sparizione di Theo, d'altronde la Morton non fa niente per farci pensare il contrario, anzi, ci aggiunge false piste a più non posso. E sì, potrà sembrare anche un gran casino, ma poi tutto torna, tutto torna sempre.
  • Tutti i suoi romanzi hanno a che fare con le emozioni e le complessità emotive umane e questo è sicuramente il romanzo che si sofferma maggiormente sull'argomento.
  • Segreti, segreti ovunque. I segreti della casa sul lago, come i suoi precedenti parla di redenzione, di frasi dette senza pensare e frasi taciute. Tutti, in effetti, sono colpevoli a loro modo.
  • Loeanneth, la casa sul lago, non è solo la cornice della storia, ma ha una consistenza tale da essere comparata ad un personaggio in carne ed ossa. Con la sue enormi stanze, i suoi tunnel segreti, la sua fitta vegetazione che le fa da coperta, questa casa mi ha portato in un luogo fermo nel tempo e la sua atmosfera è così vivida e tridimensionale da far sembrare che la casa respiri.

Cosa non mi è piaciuto


  • Tutto il processo investigativo che porterà Sadie e Alice ha scoprire la verità finale mi ha veramente coinvolta e intrigata. Tuttavia, diversamente da L’ombra del silenzio, dove la scoperta finale mi ha spiazzata così tanto che ancora ora oggi rimango incredula al solo pensiero, in I segreti della casa sul lago ho come avuto l'impressione che l' autrice tendesse a parlare troppo, o meglio, a darci troppi indizi prima di svelare un piccolo pezzo del  mistero. E ovviamente non tutto, ma qualcosa sono riuscita a prevederla facilmente.

IN CONCLUSIONE: Con I segreti della casa sul lago Kate Morton da un'ulteriore dimostrazione di quanto grandi siano le sue capacità narrative. È un storia che è in grado di farci osservare tutte le sfumature della natura umana, capace di portarci in tempi lontani e dimenticati, capace di parlarci di errori e dolori incredibili ma anche di passione, vita, libertà. Consigliatissimoooooo!


VALUTAZIONE
★★★ /5


************ 

E ora vi lascio, devo andare a cercare qualche altro libro capace di farmi passare questa tristezza post-libro-wow. Mi capite, vero? Fatemi sapere se avete letto questo libro!


 Vi auguro una bellissima giornataRestate collegati.

Vostra, 
Marty





1.07.2017

DIMMI TRE SEGRETI - Julie Buxbaum

Buon fine settimana a tutti! Inizio il nuovo anno con la recensiome di un romanzo davvero dolcissimo. Continuerà così bene? Mah...staremo a vedere.

Dimmi tre segreti narra la storia di Jessie, una ragazza di sedici anni, che sta affrontando il periodo più buio della sua vita. Ha perso la madre da poco, il padre si è risposato con una super riccona di LA e, se questo non fosse già abbastanza, si è dovuta trasferire nella casa della donna, convivere con un fratellastro e iniziare l' anno in una nuova scuola. Ma di punto in bianco arriva in salvo un Perfetto Sconosciuto che con le sue email anonime l'aiuterà ad affrontare il calvario della nuova scuola. Queste loro conversazioni li porteranno ad aprirsi a vicenda, e, col passare del tempo, vedremo nascere un qualcosa ben più profondo dell'amicizia.

Cosa mi è piaciuto:
  • La copertina è troppo carina e chiamatemi pure infantile ma apprezzo davvero tanto quando i romanzi hanno un editing così curato e colorato. D'altronde è giustissimo dire che conta soprattutto il contenuto, ma anche l' occhio vuole la sua parte, no?
  • Il libro ha uno stile veramente godibile. È narrato in prima persona e se avete un po' di tempo a disposizione si legge in un attimo. Un enorme punto a suo favore, inoltre, è stato il bilancio perfetto che l' autrice è riuscita a creare fra la sconvolgente piega che stava prendendo la vita di Jessie, con tanta ironia, emozioni positive e farfalle nello stomaco, senza, però, sminuire la drammaticità della storia.
  • Sin da subito mi sono immedesimata in Jessie, in particolare per il suo essere normale e per le sue idonee reazioni ai fatti che la vita gli gettava lungo la strada. È una ragazza che soffre immensamente per la perdita di sua madre e con lei proviamo questa costante e corrosiva mancanza. Ha 16 anni e grazie a lei sono riuscita a ritornare fra i corridoi di scuola e a rivivere le sue stesse paure, frustrazioni e rabbie, ma al contempo anche le sue stesse scoperte ed emozioni.
  • Theo, nonché il super stiloso, veggie fratellastro gay di Jessie è fantastico. E sì, potrebbe sembrare il cliché fatto a persona, ma superati i primi capitoli ci si accorge che questo ragazzino tutto pepe ha davvero qualcosa di profondo e interessante da dire e che non è semplicemente messo lì a scimmiottare la parte del gay di turno. Il rapporto che si svilupperà con Jessie, inoltre, è davvero carino e molto commovente.
  • Lo scambio di email anonime, diciamolo in coro senza tanti problemi, è un meccanismo  piuttosto visto e rivisto nella letteratura moderna. Tuttavia, grazie probabilmente a dei protagonisti piuttosto carismatici, la storia non mi ha per niente annoiata. Un Perfetto Sconosciuto è un personaggio davvero interessante e ho adorato le loro chiacchiere no sense e la condivisione di segreti e argomenti più delicati. Capiamo subito che anche per lui la vita non è stata molto gentile e sarà dolcissimo vedere come Jessie riuscirà ad aprirsi e a fidarsi di lui, nonostante non conosca né il suo vero nome o il suo viso.
  • Ho trovato dozzine e dozzine di citazioni e frasi carine dentro questo romanzo, una di quelle che preferisco è sicuramente questa: "Gli altri non possono farti sentire stupida. Solo tu puoi." E penso sia una frase incredibilmente giusta.
  • Capire chi si nasconde dietro l' anonimità di PS non è semplice quanto si potrebbe pensare perché l'autrice si prende gioco di noi inserendo un bel po' di bei ragazzoni durante le strada. Ovviamente, un'idea di chi potesse essere io ce l'avevo, ma fino alla fine non potevo dirmi sicura al 100% e questo fatto mi ha piuttosto intrigata e invogliata ad andare sempre avanti con la lettura. Ah, e se come me pensate che i triangoli siano un obbrobrio della letteratura, non preoccupatevi perché sì, ci sono tanti prestanti ragazzotti in questa storia, ma la nostra Jessie ha le idee piuttosto chiare, grazie a Dio.
  • E neanche a dirlo Dimmi tre segreti è pieno di scene romantiche e dolcissime. *w*
  • La scena finale...ahahhahahahhah....oddio da morire dal ridere!
Cosa non mi è piaciuto:

  • Uff....è finito troppo presto. E per giunta sul più bello!

IN CONCLUSIONE: Dimmi tre segreti è un young adult di poche pretese che si legge in un attimo. È, tuttavia, una storia capace di lasciarci qualcosa, di divertirci e commuoverci e quindi è proprio per questo motivo che la consiglio sia a quelle persone che cercano una dolcissima e frizzante storia romantica, sia a quelle che, invece, cercano una storia più drammatica e riflessiva.

VALUTAZIONE
★★★ /5


************ 

Avete letto questo romanzo? Vi è piaciuto come me, oppure è stato un grande NO per voi? Fatemi sapere. 

 Vi auguro una bellissima giornataRestate collegati.

Vostra, 
Marty

1.01.2017

LE MIE LETTURE MIGLIORI DEL 2016

Buoooooon 2017 people !!!
Yeaaaaaaaaaaaaah


Incredibile ma vero quest' anno è già passato e come di consueto è giunta l' ora di fare un breve recap di tutti i libri che mi hanno colpito maggiormente durante l' anno. Ho letto tanto in questo 2016? Assolutamente no! Nemmeno lontanamente vicino a quanto avrei voluto e questa cosa mi infastidisce parecchio. Tuttavia, durante l' anno ci sono state talmente tante nuove cose, lavorativamente o meno parlando, che trovare il tempo di leggere, a volte, mi risultava proprio impossibile. E poi si dice pure " Pochi ma buoni", no?
(Ok, sto solo cercando di autoconvincermi. Reggete il gioco.)

Ma passiamo alla lista, altrimenti qui facciamo notte.
Ah, i titoli citati sono elencati in maniera del tutto casuale! ;)

1. The Queen of the Tearling di Erika Johansen


The Queen of the Tearling è stata la grande rivelazione di quest' anno. È un young adult ambientato nel futuro (un futuro che tuttavia ricorda molto il Medioevo) e che narra la storia di una giovanissima ragazza e della sua ascesa al trono di Tearling, un regno fantastico, crudele e oscuro. Kelsey è una protagonista con due zibidei enormi e l' ho adorata dalla prima all'ultima pagina. Condiscono la storia un lato fantasy molto interessante, intrighi, amore e illustrazioni spettacolari. Recensione qui

2. Odyssea, oltre il coraggio del sacrificio di Amabile Giusti


E of course, anche quest' anno ritorna il sequel di quella che posso definire senza problemi la mia serie paranormal fantasy preferita di sempre. Odyssea, oltre il coraggio del sacrificio è il quarto capitolo dell'omonima serie scritta da Amabile Giusti e niente, ragazzi, ogni volta che termino un sequel ne esco distrutta e sgorgante di lacrime. Inoltre sono sempre così emotivamente presa che, una volta terminato, ripigliarmi e trovare un altro libro da leggere diventa un'impresa da titani. Se non l' avete ancora letta, provvedete. Ogni volta non riesco a capacitarmi del fatto che questa serie sia ancora così poco conosciuta. Voglio dire, chiunque conosca Jacko anche solo per un istante, si maledirà di averci messo così tanto a iniziare questa serie. Provvedete, è un ordine! Recensione qui.

3. Aristotele e Dante scoprono i segreti dell'universo di Benjamin Alire Sáenz


Questo libro si è conquistato il mio cuore in sordina, pagina dopo pagina, parola dopo parola e ancora oggi guardando anche solo la copertina ho una voglia pazzesca di poterlo rileggere. Aristotele e Dante scoprono i segreti dell' universo è ambientato negli anni '80 e narra la storia di due giovani ragazzi e della loro straordinaria amicizia. È un romanzo estremamente coraggioso e commovente. Recensione qui.

4. Ti darò il sole di Jandy Nelson


Ti daro il sole è probabilmente il romanzo autoconclusivo migliore di questo anno, e da quanto ho avuto modo di leggere in diversi blog, lo è stato anche per molte altre persone. Partendo dal presupposto che Jandy Nelson scrive pochissimo, quando scrive un nuovo libro partorisce mine vaganti che o ti uccido, o ti uccidono. C' è poco da fare. Ti darò il sole è la storia drammatica di due fratelli che da uniti che erano quasi in modo morboso si sono distaccati fino a sembrare due sconosciuti. È una storia davvero intensa, vivida e commovente. E per commovente intendo " prendete quattro pacchetti di fazzoletti e teneteli vicino"! Recensione qui.

5. Harry Potter e la poetra filosofale di J. K. Rowling (edizione illustrata)


Conosciamo tutti Harry Potter e non inserisco questo libro nella mia lista dei preferiti tanto per la storia, bensì per l' edizione che, a mio parere, è un qualcosa di meravigliosamente unico. Consiglio sempre a tutti  anche solo di sfogliarlo per qualche minuto perché le illustrazioni sono stratosferiche e il lavoro di editing spettacolare. Recensione qui.

6. Raccontami di un giorno perfetto di Jennifer Niven


E infine vi voglio parlare di Raccontami di un giorno perfetto un libro che più che per la storia in sé mi è piaciuto per il "messaggio" che ha lasciato. Questo young adult che a primo acchito potrebbe sembrare semplicemente una storia d' amore fra due ragazzi con un passato difficile alle spalle, è in realtà una coraggiosa denuncia sull'oscuro argomento che è la depressione giovanile e su quello che sembra ma in realtà non è. Recensione qui.


************ 

Avete visto che le mie letture preferite non sono state tantissime, ma come vi ho già detto non ho letto tanto quanto avrei voluto ed inoltre non saprei come spiegarlo, ma penso di aver iniziato ad essere molto più esigente e critica in fatto di storie. Quindi ecco il risultato di quest' anno. E voi? Quali libri avete amato particolarmente? Fatemi sapere. Ho proprio bisogno di nuovi titoli; in questo periodo non so mai cosa leggere!

 Che sia un anno meraviglioso per tutti voi! Restate collegati.

Vostra, 
Marty



LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...