8.30.2016

25 (RANDOM) FACTS ABOUT ME

In questi giorni di pausa estiva in cui purtroppo non sono andata da nessuna parte di interessante (sì, io ero quella che su Instagram rosicava di brutto davanti alle foto delle vacanze degli altri) ho avuto modo di scoprire nuovi blog e tra questi nuovi blog ho scovato un tag davvero carinissimo. Non mi sono mai aperta tantissimo, ma mi sono ripromessa di entrare un po' più nel personale con voi e questo tag in cui devo parlarvi di 25 fatti personali a random cade a pennello. 
Ovviamente sempre che vi interessino saperli. 
In caso contrario sarebbe un post veramente imbarazzante.

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

1. Sono celiaca dall'età di 2 anni, quindi niente grano nella mia vita.  La cosa ironica è che vivo in Romagna, quindi terra dei tortellini, cappelletti e via dicendo...
2. Quando avevo 5 anni ed ero all'asilo, ho perso il pulmino per tornare a casa perché ero andata in bagno a fare la pipì.
3. Sono una PATITA del giornale Focus.
4. Sono nata a febbraio e sono un' acquario.
5. Ho due sorelle e un fratello minore.
6. Come avrete potuto notare dalle foto che scatto amo cucinare dolci e i miei dolci preferiti sono sicuramente la Millefoglie e la Sacher!
7. Quando andai in gita scolastica a Nizza mi ricordo di aver rubato un menù dal ristorante dove andai una sera con alcuni compagni di classe e di averlo lasciato appeso in camera mia per diversi anni. Sì, ho una strana concezione di oggetto-ricordo.
8. Vivo in un piccolo paesino di campagna che amo e odio allo stesso tempo. Odio perché non c'è molta vita, ma amo perché c'è vita di altro tipo.


9. Il mio capo d' abbigliamento preferito da indossare sono gli Skinny jeans.
10. Sono astemia e nonostante i miei 23 anni non mi sono mai ubriacata. Se mai mi doveste vedere brilla, comunque, sarà di certo perché ho bevuto troppo tè verde, non per altro.
11. Ho provato a fumare una volta e l' ho trovata la cosa più inutile di sempre.
12. Ho assassinato un cellulare facendolo cadere per sbaglio dentro l' acqua della pasta. Che per giunta stava bollendo!
13. Credo profondamente nell'amore a prima vista.
14. Il primo libro che ho letto in assoluto è stato La fabbrica di cioccolato di Roald Dahl. Qui si capisce la mia fissa per il cioccolato.
15. L' Italia è stupenda da capo a fondo, ma Firenze resterà sempre una delle città più belle che io abbia mai visto.


16.  Credo nel rito della colazione e sono disposta anche ad alzarmi 15 minuti prima soltanto per fare la mia colazione seduta a tavola prima di partire.
17. Sono alta 1,65 e ho 23 anni ma tutti mi dicono che sembro sempre più alta e più piccola.
18. Credo nel detto " Siamo ciò che mangiamo ", ma non sono mai stata né vegetariana o vegana.
19. Sono ossessionata con i miei capelli e amo prendermene cura con i rimedi casalinghi più strani. Uova, aceto, hennè, yogurt...dite qualsiasi ingrediente, io l' ho provato.
20.  Sto studiando per riuscire a dare nel prossimo anno il CPE, ovvero la certificazione d' inglese più alta rilasciata dalla University of Cambridge Esol of english. 
21. La mia primissima cotta è stata quella per Erik, il tizio biondo di Rossana. Avanti, so che non sono l' unica!
22. Sono capace di "cucicchiare" grazie a mia nonna che imparò a cucire quando andò a lavorare in Svizzera dopo la guerra.
23. Quando presi la patente ero talmente agitata che dovetti scrivermi destra e sinistra nelle relative mani per  paura di sbagliare. Ed infatti la prima volta ho sbagliato! XD
24. Sono un' appassionata di J-Drama e K-Drama.
25. Il primo poster che ho attaccato alle pareti della mia camera è stato quello della locandina del film di  Harry Potter e la pietra filosofale.



******************************************

Questo è tutto! Spero che vi abbia fatto piacere leggere queste cose su di me. E voi? Raccontatemi qua sotto qualcosa di voi o magari se avete un blog provate a fare questo tag. Sono curiosa di conoscervi!



Vi auguro una buona giornata. Restate collegati.

Sole

8.17.2016

LAGGIÙ MI HANNO DETTO CHE C' È IL SOLE - Gayle Forman

Non ho mai letto nulla di Gayle Forman e dopo questo libro mi chiedo perchè non l'ho fatto prima.




















Laggiù mi hanno detto che c' è il sole è una young adult drammatico capace di parlare di amicizia, amore e perdita allo stesso tempo. Ambientato in un minuscolo paesino degli Stati Uniti narra la storia di Cody, una ragazza di diciotto anni che non ha mai avuto una vita facile. Non sa chi sia sua padre, che se n'è andato via appena è nata, la madre, che quando non è impegnata con il nuovo "fidanzato" di turno la guarda appena, e la loro situazione economica non è delle più rosee. Ma Cody ha Meg, la sua migliore amica, la sua compagna di giochi e confidenze che con la sua famiglia perfetta, il suo carattere vivace e caloroso è sempre riuscita a colmare il grande vuoto della sua vita. Tuttavia, nell'ultimo periodo, Cody ha preso un po' le distanze da Meg. Quest' ultima si è trasferita in una prestigiosa università, mentre lei è rimasta incastrata in quel buco di città e si tengono in contatto solo per email. Tutto cambia, però, quando un giorno Cody riceve un messaggio automatico dall'amica che le preannuncia ciò che in verità è già successo, ovvero che Meg si è suicidata in una stanza di Motel. Ed è qui che inizia la storia.

Cody è distrutta, ovviamente, non solo perché ha perso la sua amica, ma perché l'ha persa in quel modo terribile. Meg è sempre stata uno spirito libero, un' anima battagliero, una persona che vedeva il meglio nella vita e nelle persone e Cody non si riesce a spiegare come sia potuto accadere. Così quando i genitori di Meg la pregano di andare a raccogliere le sue cose nella stanza al college, Cody troverà nel computer alcuni file criptati e senza nemmeno accorgersene comincerà a investigare sugli ultimi momenti di vita di Meg. Cody è una protagonista che mi è piaciuta tantissimo. Non è una ragazza che si piange addosso o che sta con le mani in mano, ha un po' di problemi economici e si mette a fare la domestica per racimolare qualche risparmio. Ammetto, però, che all'inizio ho fatto un po' di fatica con lei, era spesso arrabbiata e maleducata, soprattutto quando va a Tacoma e incontra gli amici di Meg e Ben (tenete a mente questo nome) ma poi con l'andare avanti della storia ho capito che aveva tutte le ragioni per esserlo, anzi, probabilmente io stessa avrei reagito nel medesimo modo.

Sarò sincera, la storia d'amore non mi ha fatto né caldo  freddo. Forse non l'ho trovata tanto intensa o semplicemente perché il viaggio di consapevolezza di Cody ha avuto maggior rilievo in me. Cody incontra Ben McCallister una sera, quando decide di uscire e andare in un locale con alcuni compagni di dormitorio dell'amica. Ben è un musicista, ovviamente stragnocco, ma questo non dovrei nemmeno dirlo, ed è pieno dei soliti extra abusati cliché che tutti noi già conosciamo. Però sì, non è mi dispiaciuto del tutto, in particolare perchè, non posso negarlo, lo sviluppo della loro relazione avviene in maniera piuttosto realistica e lui si comporta sempre naturalmente con Cody. Questo loro rapporto è rafforzato anche dal fatto che sia Cody che Ben condividono un senso di colpa nei confronti di Meg, la prima per non essere riuscita a percepire il problema in tempo e il secondo per il fatto di aver avuto con lei una storiella da una notte e di averla possibilmente illusa. Insieme, quindi, inizieranno un percorso per capire realmente cosa ha spinto la ragazza a compiere quella tremenda e definitiva azione. 

E dopo tutto questo papiro penso sia appropriato parlare dell'aspetto più importante del libro: la depressione. La Forman tratta questo argomento con una sensibilità unica, rispettandolo, analizzandolo e dando una nota di speranza a fine romanzo. Ho apprezzato il fatto che l'autrice ci abbia fatto notare che una persona depressa, come lo era Meg, possa sembrare normale agli occhi di una persona che invece non lo è. Una persona qualunque può apparire sprizzante di gioia mentre dentro sta morendo e questo ci dimostra quanto la depressione sia comune oggigiorno. Il suicidio è oscuro e machiavellico, e sono rimasta piuttosto sconcertata nel constatare il realismo di alcuni dettagli che riguardano la morte di Meg e di come si sia organizzata per farla finita.

Il libro è breve e si legge tutto d'un fiato. E quando dico così non lo dico tanto per dire, io penso di averlo letto in un giorno e mezzo! In definitiva mi è piaciuto parecchio. Anche se sì, ci sono alcune cosine che non mi sono piaciute, alcuni momenti un po' troppo surreali (soprattutto per quanto riguarda la parte finale alla "catfish") e pagine in cui avrei voluto che l'autrice fosse meno fredda e distaccata, tuttavia, la storia si afferma essere un ottimo mix di mistero, romance e dramma e io ve lo consiglio assolutamente.  

Credo che la morale più grande di questa storia sia l' imparare a perdonare e a perdonarci. Persino fatti terribili e più grandi di noi, che probabilmente non potremo mai del tutto concepire. Questo perché il perdono è necessario per la giusta convivenza con noi stessi. Un piccolo consiglio, arrivati alla fine della storia leggete i ringraziamenti. Ne vale la pena!

VALUTAZIONE
★★★★ /5

******************************************

Avete letto questo libro? Vi è piaciuto? Quale altro libro della Forman mi consigliate?



Vi auguro una buona giornata. Restate collegati.

Sole


8.04.2016

HARRY POTTER E LA PIETRA FILOSOFALE - J. K. Rowling ||Recensione(edizione illustrata)

Questo non è un libro, ma un'opera d'arte.

Appena ho preso questo libro ero certa che avrei scritto una recensione normale, ma poi ho capito che recensire Harry Potter e la pietra filosofale sarebbe inutile quanto recensire la Bibbia, perchè questa serie è talmente conosciuta che ulteriori chiacchiere avrebbero lo stesso valore dell'aria fritta. Tuttavia, questa edizione illustrata è così stupenda che sarebbe un'ingiustizia non parlarne. Quindi, ecco, diciamo che questa è una recensione che definirei atipica.


Il libro contiene la storia integrale che tutti noi già conosciamo, senza tagli o omissioni, anzi è molto più lunga, e pesante, vista la presenza di decine e decine di illustrazioni. Ora, non posso non fermarmi a parlare due secondi delle illustrazioni perchè, lasciatemelo dire, sono mozzafiato ( Qui sotto ve ne metterò un po' giusto per farvi capire di cosa sto parlando). Sono tante e incredibilmente belle, misteriose, affascinanti e così ricche di dettagli che per me è stato quasi difficile, ogni volta, girare le pagine per leggere quelle successive.  L'artista che se n'è occupato si chiama Jim Kay ed è stato personalmente scelto dalla Rowling in quanto conosceva già il suo modo di lavorare. La cosa più interessante che ho letto nei suoi riguardi è che lui non aveva mai disegnato bambini e che quindi ha dovuto fare un casting personale per cercare dei bambini da usare come modelli per Harry, Ron, Hermione (ecc.)  Ad esempio per ritrarre Hermione si è basato sulla nipotina.

Per disegnare Hogwarts Jim Kay ha affermato di avere dovuto creare un vero e proprio plastico nel suo appartamento, che cresceva e si particolareggiava sempre di più man mano che rileggeva tutti i libri della saga, in modo, così, da potersi poi regolare con i disegni. Inoltre ho apprezzato molto il fatto che in alcune dichiarazione lui abbia affermato di avere provato molta pressione per questo lavoro, in quanto era terrorizzato di rovinare uno dei libri più famosi della storia e deludere le aspettative di molti. Ciò gli dà sicuramente molto onore perchè dimostra quanto avesse preso a cuore questo incarico. In ogni caso, ho trovato il suo lavoro eccellente, soprattutto perchè nei suoi disegni ha deciso di mettere il suo stile al massimo e di allontanarsi il più possibile dalle trasportazioni cinematografiche.

Gli unici due aspetti negativi che ho potuto riscontrare in questo meraviglioso librone è che questo Harry Potter, come le nuove edizioni uscite di recente, contiene la nuova traduzione, di conseguenza alcuni nomi mantengono la traduzione in inglese (McGranitt/McGonagall, Tassorosso/Tassofrasso, Neville Paciock/ Neville LongBottom e così via..). Non che sia un grande lato negativo, ma a noi che siamo cresciuti chiamando i personaggi, e tutto il resto, in in un certo modo fa comunque un po' "strano". L'altra pecca di questa edizione è che rispetto ad un libro normale costa abbastanza, ma c' è da dire anche che merita ogni centesimo speso!

Questa nuova edizione illustrata è esattamente il tipo di libro che ogni appassionato di Harry Potter dovrebbe avere nella propria libreria per fangirlare senza inibizioni e mostrarlo senza tanta umiltà ad ogni babbano che entra nella propria abitazione. Inoltre trovo che questa edizione, così ricca di immagini sia ideale per avvicinare i più piccini, che non sono cresciuti assieme ai libri e ai film di Harry Potter, alla scoperta di questa epica storia

Ovviamente anche tutti gli altri libri della saga verranno ripubblicati in questa edizione e il secondo capitolo, Harry Potter e la camera dei segreti uscirà ( in inglese) in ottobre e quindi penso che poco dopo verrà pubblicato, come successe per il primo, anche da noi in Italia.
Per chi fosse interessato su Pottermore (sito stupendo, oltretutto, dove potete persino fare un test per capire a quale casa apparterreste) si possono vedere le prime immagini in esclusiva!

(PS: Il libro è pieno di macchie di inchiostro e colore. Quanto sono fantastiche!?!) 

*************************************************************

È tutto per oggi e questo meraviglio libro! Personalmente non vedo l' ora di vedere come sarà il secondo. Voi avete comprato questa edizione? O preferite le vecchie? Ci sentiamo prestissimo.
Tante buone letture! Restate collegati. 
Vostra, Sole.

8.01.2016

LETTURA DEL MOMENTO, SNACKS, TAZZE ☕ E STRANGER THINGS!

A quanto pare siamo già a lunedì, people. Yuppi! 😒 

Fatto random #1: Lettura del momento 

Non ho mai letto niente di Gayle Forman prima d' ora, e non riesco a capire perché visto che i suoi libri sono dappertutto. Probabilmente ero solo molto scettica sulla sua troppa popolarità e il mio subconscio deve aver reagito tenendomi alla larga. In ogni caso, settimana scorsa sono stata in biblioteca e avete presente quando un libro vi chiama dagli scaffali mandandovi quel messaggio energetico mentale che crittografato dice: "Umano, prendermi!" ? Ecco, questo è quello che mi è capitato con Laggiù mi hanno detto che c' è il sole . Nonostante cercassi un libro più leggero e spensierato dopo Raccontami di un giorno perfetto di Jennifer Niven, devo dire che mi sta piacendo da matti! Nei prossimi giorni posterò la recensione per chi fosse interessato ad un giudizio più approfondito.  

Fatto random #2: Snacks!!!!!!

Ormai sapete che sono celiaca e che mi piace parlare con voi di quei prodotti senza glutine che vorrei consigliarvi. Uno snack semplice ma comunque buonissimo, sono le gallette al cioccolato fondente della Rice & Rice di Probios, che mangio da tantissimo tempo e che continuo ad adorare. Nel pacchetto ci sono due porzioni e le ho sempre trovate comodissime da portare a scuola o al lavoro come merenda. Un altro prodotto è questa barretta cioccolato e nocciole di Liberaire (una marca che penso sia olandese) e che dire, è davvero golosissima e super cioccolatosa. Ve la consiglio soprattutto se amate i sapori un po' speziati come la cannella e lo zenzero.  Infine vi voglio parlare di un snack salato: le Tortillas al Teff e semi di lino di Food Up. Lo so, suona strano, in particolare se come me non sapevate cos'era il Teff prima di quel giorno ( ovvero un cereale proveniente dall'Africa) ma vi assicuro che sono strabuoni e che sì, una volta aperti finiscono MOLTO presto. Questi prodotti purtroppo non si trovano al supermercato (almeno, non dove abito io), ma nelle farmacie e nei negozi specializzati in prodotti senza glutine, tuttavia se vi capita di trovarli provateli perché sono eccezionali.

Fatto random #3: La tazza maialona.

Penso che conosciate la mia passione sfrenata per tè, tisane e compagnia bella, ma non sono sicura che vi abbia mai parlato della mia passione per le tazze. Qualche giorno fa girando in un negozio di casalinghi ho scovato un sacco di tazze carine e ho deciso di comprarne una. La scelta è ricaduta su questa in foto, primo perché ha il coperchio ( e magari, non ora, ma in inverno tornerà utile), secondo è verde (ovvero il mio colore preferito) e terzo è a forma di un maialino malefico di Angry Bird, gioco a cui mio fratello minore mi ha involontariamente schiavizzato. E non so, è davvero troppo buffa e carina. Sto notando che sembro una nonnina di 70 anni invece che una ragazza di 23 anni quando parlo con così tanto entusiasmo di tazze, ma non ci posso fare nulla, amo avere tante tazze e più strane strane sono meglio è. Ditemi che non sono l'unica, per favore! 

Fatto random #4: Prima di Stranger Things avevo una vita!

Tutti ma proprio tutti (celebrità comprese ) parlano di Stranger Things come l'ottava meraviglia del mondo. E allora ho guardato il primo episodio giusto per curiosità. E sono rimasta a bocca aperta, perché, santo cielo, questa serie è davvero una figata assurda come dicono! La prima stagione (perché una seconda deve per forza esserci!!!!!!!) è composta da solo 8 episodi ma mai avrei pensato che mi avrebbe ossessionata ( sì, il termine è giusto) così tanto e che sarebbe entrata di corsa fra le mie 10 serie preferite di sempre. 
In breve, senza raccontarvi troppo, ecco perchè dovete guardare Stranger Things:
1. Perché ricorda un sacco Stephen King! Solo il gruppo di ragazzi, ad esempio, mi ricorda tantissimo il gruppo di amici che c'era nel film It;
2. Perché parla di amicizia, fratellanza e amore in tutte le sue forme;
2. Perché è ambientato negli anni 80 e ha un che di vecchio stile che e io personalmente adoro;
4. Perché è un misto fra mistery, horror e sci-fi;
4. Perché ci sono gli alieni. 
E dopo aver detto questo, muovete le chiappe e andate a guardarlo subito!

*************************************************************

Ora vi lascio, devo uscire fra pochissimo e sono ancora in pigiama. Aiutooooooo. Cosa avete letto ultimamente? Avete visto qualche telefilm interessante? Comprato tazze particolari? Fatemi sapere....
 

Tante buone letture! Restate collegati. 
Vostra, Sole.






LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...