12.17.2017

10 CURIOSITÀ CHE HO IMPARATO GRAZIE AI LIBRI

 Molte volte mi sono chiesta perché amo tanto leggere e solo oggi riesco a darmi una risposta come si deve: perché sono una persona dannatamente curiosa! 


Certo, molte persone potrebbero dire che la curiosità uccide il gatto, ma a mio parare non c'è niente di più pericoloso al mondo di una persona che non ha alcuna voglia di conoscere, crescere e imparare.  
In ogni caso, riflettendo su questo argomento sono arrivata alla conclusione che oltre ad avere conosciuto personaggi straordinari e ad avere esplorato posti pazzeschi,  la lettura mi ha inculcato in testa tante, tantissime curiosità di origine scientifica, letterale, musicale, storica e chi più ne ha più metta, che per qualche strana ragione ho trovato utili in diverse conversazioni. Non so dirvi se queste curiosità le avrei imparate ugualmente ( io spero proprio di sì), ma sono felice di averle apprese in questa maniera tanto piacevole. 

Alcune letture che ho scelto per questa lista risalgono a qualche anno fa, altre, invece, sono più recenti, tuttavia oltre che con le loro storie mi hanno catturata con tanti piccoli aneddoti che oggi voglio condividere con voi! 

1. La ragazzina che ha inventato la luce | Storie della buonanotte per bambine ribelli

Storie della buonanotte per bambine ribelli è uno di quei libri che ogni bambina, ragazza e donna dovrebbe tenere sul proprio comodino come memorandum. Non solo perché ci ricorda quanto alcune donne abbiano dovuto lottare per farsi valere, ma che, con un po' di coraggio e forza d'animo,  possiamo essere chi vogliamo in questa vita. Come Ann  Makosinski, una ragazza di quindici anni con la passione per la tecnologia che ha creato da zero una torcia a LED funzionante con il calore della mano. Quindi non solo a basso impatto ecologico, ma anche poco costosa e accessibile a tutte quelle popolazioni con scarsa eletricità elettrica. Questo libro gronda di storie di fantastiche donne ( più o meno) famose, e non so dirvi perché proprio questa ragazzina mi sia rimasta tanto impressa. Forse perché io a quindici anni pensavo solo a mettermi lo smalto sulle unghie e a coprire i brufoli, mentre sta ragazzina sta aiutando il l'umanità. Sì, sicuramente per questo. 

NB: Se state cercando un regalo da fare a Natale ad una lettrice, questo è perfetto! 

2. Come purificare l'acqua | Hunger Games

Hunger Games è uno dei miei distopici preferiti non solo per la storia ma anche perchè leggerlo è un po' come essere mandata in spedizione assieme a Bear Grylls in qualche sperduto bosco del Nord America. Katniss, infatti, oltre ad affrontare un' orda  di ragazzini serial killer dovrà vedersela con una natura selvaggia e ostile. Tuttavia l'aneddoto che mi è rimasto più impresso è stato quello della purificazione dell'acqua. Nell'arena Katniss ha uno zaino e dentro a questo zaino, oltre che a beni di prima sopravvivenza, c' è anche una  bottiglietta di tintura di iodio. Per chi non conoscesse la tintura di iodio è un disinfettante dal colore giallogliolo che, se non vi è mai capitato di vederlo di persona (spero proprio di no!), lo avrete di certo visto cosparso a litri su i pazienti di Grey's Anatomy. In ogni caso la tintura di iodio, disciolta in giusti dose, serve per purificare l'acqua. Ovviamente non quella di casa, ma quella di fiumi o laghi altamente ricchi di agenti patogeni. 

3. Il sole di mezzanotte | Il cavaliere d' inverno 

Il cavaliere d'inverno di Paulina Simons non è solo il libro d'amore più bello che io abbia mai letto, ma è anche un "piccolo" libretto delle istruzione sulla Russia, o più in particolare su San Pietroburgo. Nonostante abbia imparato diverse cose grazie alla Simons devo dire quello che mi è rimasto, e mi rimane, più impresso è la storia su il sole di mezzanotte. Il sole di mezzanotte è un fenomeno che si verifica in procinto degli equinozi quando l'inclinazione terrestre e l'orbita terrestre fanno sì che in tutti quei paesi al di sopra di una certa longitudine (vedi Finlandia, Norvegia, Svezia, Alaska, Russia...) il sole non raggiunga mai l'orrizonte. In poche parole: non tramonta mai. A San Pietroburgo, la città in cui si basa questa bellissima storia d'amore e di guerra, il sole di mezzanotte dura circa tre mesi, da maggio a luglio. Se d'estate però abbiamo sempre sole, in alcuni mesi d'inverno accade il contrario e le ore di giorno si posso contare sulla dita di una mano. Cosa non molta piacevole se pensiamo al freddo polare tipico di questi posti.

4. Cos'è un canone inverso | Canone inverso



Non ho amato tantissimo questo libro, a differenza del film con Tognazzi che è probabilmente uno dei miei film preferiti dopo Big Fish. È una storia ambientata durante la seconda guerra mondiale che parla di amore in tutte le sue forme possibili e non potete immaginare i pianti che mi sono fatta! Tuttavia, nonostante il libro non mi abbia preso tanto quanto la versione cinematografica ho ancora oggi inciso nella mente il significato del termine canone inverso, che, in parole molto povere, indica una melodia che anche suonata all'incontrario ha lo stesso suono. Un po' come un palindromo in grammatica, Anna si legge sempre Anna anche al contrario. 

5. Cosa significa "Il miglio verde" | Il miglio verde



Il miglio verde è probabilmente uno dei miei romanzi preferiti di Stephen King. Ambientato in un penitenziario narra la drammatica storia di amicizia fra una guardia carceraria e un prigioniero. Di questo libro ricordo ogni cosa e ve lo consiglio assolutamente. Oggi, comunque,  non voglio approfondire la storia ma sottolineare il perché questo libro si chiami proprio così. In inglese esiste il modo di dire "walking the last mile" che in italiano si traduce con percorrendo l'ultimo miglio. Per "ultimo miglio"  si intende il corridoio che ogni condannato a morte deve percorrere per raggiungere la zona in cui avviene l'esecuzione. Ovviamente il percorso non era lungo un miglio ma per via della sua destinazione lo sembrava per i condannati. In questi titolo viene aggiunta la parola verde perché il corridoio era verniciato di verde. 

6. Hitler fu cieco per un certo periodo | Prisoner of night and fog

Per quanto, spesso, questo libro possa sembrare una fanfiction ambientata nel periodo nazista è in realtà un romanzo ben studiato con dettagli storici incredibilmente veritieri, oltre che ad una bellissima storia d' amore fra un giovane ebreo e una convinta seguace di Hitler. L' aneddotto che mi è rimasto più impresso riguarda i primi tempi di Hitler, quando era solo un soldato che combatteva nella Prima guerra mondiale e il suo reggimento venne colpito da una bomba a gas rendendo tutti ciechi. Mentre tutti gli altri soldati ripresero la vista nel giro di breve tempo, Hitler  fu l' unico che continuò a dichiararsi cieco nonostante i dottori confermavano la sua buona salute. Per questo motivo venne classificato come "isterico" e messo assieme a tutti gli altri soldati isterici in quarantena per paura che questa loro condizione nervosa potesse attaccarsi agli altri soldati. Qui Hitler dimostrò di non essere un paziente molto facile, anzi i dottori lo etichettarono come psicopatico. Hitler ricomincio a vedere solo a guerra terminata. Non so a quante persone potrebbe interessare questo piccolo aneddotto, ma per quanto mi riguarda ci fa riflettere molto sul profilo psicologico della persona più crudele del ventesimo secolo. E soprattutto come vennero nascoste le carte che affermavano la sua malattia.

7. I bambini di colore non nascono scuri | Serie Outlander


La serie Outlander contiene talmente tanti aneddoti storici, scientifici e medici che probabilmente dovrei stilare una lista soltanto con i suoi titoli. Tuttavia il mio cervellino non ha così tanto spazio libero e così a memoria non ricordo tantissimo, ma, perché c'è sempre un ma, una scena mi è rimasta molto impressa. La scena in questione è quella in cui Jamie e Claire si imbattono in una donna di colore con un bambino fra le braccia. Il bambino è bianco è molti pensano che questa donna lo abbia rubato. La Galbadon ci svela, però, che appena nati i bambini di carnagione scura non sono esattamente neri. Certo, neanche esattamente bianchi latte, ma non neri. La loro pelle si insicurie con il passare delle ore e dei giorni. 

8. Farsi i capelli come una Geisha non è uno scherzo | Memorie di una geisha






Tutte le pagine di Memorie di una Geisha sono pura magia e informazione. Ciò che mi ricorderò sempre è il lungo e sofferto processo di creazione che le Geisha dovevano sopportare per avere quelle bellissime capigliature. Le acconciature delle geisha, infatti, erano molto elaborate e per mantenere ogni capello in ordine usavano la cera. La cera non fungeva solo da lacca momentanea ma era una vera e propria barriera che riusciva a mantenere salda la stessa capigliatura per circa una settimana.  Se l'odore in testa diventava sgradevole e persistente allora si utilizzavano i profumi. Da notare che queste acconciature erano talmente strette e tirate che in giro di pochi anni si iniziavano a manifestare i primi sintomi di alopecia. 

9. Senza api non vivremmo a lungo| La vita segreta delle api

La vita segreta delle api è una dolcissima storia di donne e di coltivatrici di api. È un romanzo davvero potente e commovente e in questo libro le api rappresentano un messaggio chiave della storia. Il libro straripa di aneddoti e da quando l' ho letto ho iniziato a vedere questo insetto in una luce diversa. Mi ricordo che ai tempi ero così fissata con l' argomento api, alveari, miele e api regine che mi piaceva leggere di tutto è di più su internet! (Neanche fossi stata in procinto di iniziare una carriera da apicultrice!)
Ed è per questo che mi sono imbattuta in una frase di Einstein che diceva: "se le api scomparissero da un giorno all' altro,  l' uomo non vivrebbe più di quattro anni".  Shoccata da questa affermazione così estrema mi sono informata ulteriormente. Ed è proprio vero, le api, nonostante le loro ridotte dimensioni hanno un impatto incredibile sul nostro ecosistema. Se sparissero non solo inizierebbe a mancare il miele, ma anche la frutta e il foraggio per gli allevamenti. Ma più in particolare senza api Il processo di impollinazione essenziale per il nostro pianeta non avverrebbe più e così potremo dire addio alle piante. Non si sa con esattezza se Einstein avesse ragione sui quattro anni, ma studi hanno confermato le sue parole. Il nostro pianeta cambierebbe senza questi animaletti. E non in bene.

10. Le prime radiografie avevano effetti molto pesanti sul corpo |  Kate Morton

Kate Morton é senza ombra di dubbio LA mia autrice preferita. In assoluto. Di conseguenza non starò qui a lodarla troppo. Vi dico solo di leggere tutto ciò che ha scritto senza nemmeno preoccuparvi di leggere la trama. Cosa mi è rimasto impresso de Il giardino dei segreti oltre che la sua meravigliosa storia? Le radiazioni! Ebbene sì, questo romanzo è ambientato nel diciannovesimo secolo e una dei personaggi di questo libro  viene sottoposto a radiografie con i raggi X che le causeranno un' infertilità perenne. Letto questo mi sono appassionata dell'argomento, scoprendo che i raggi X furono inventati, oddio meglio dire scoperti, per sbaglio nel 1895. Per fare la radiografia di una mano ci potevano volevano circa 90 minuti (ora pochi secondi) e nonostante si credeva potessero essere molto utili,  nel giro di poco tempo queste macchine si rivelarono estremamente violente per il corpo umano causando bruciature  e perdita di capelli. Per fortuna la scienza ha fatto il suo corso e questi sintomi sono solo storia ormai. 

-----------

E questo è tutto per oggi. Al momento non mi viene in mente altro, ma sono certa che pensandoci avrei tantissime altre cose da dirvi, quindi aspettatevi un altro post nelle prossime settimane. E voi, cosa avete oggettivamente imparato dai libri? Se vi va, fatemelo sapere qua sotto con un commento!

Vi auguro una buona giornata.
Vostra,
Marty





LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...